l’attestato di abitabilità non preclude la difformità delle opere