IMPIANTI ELETTRICI: quali sono le verifiche ed i controlli da effettuare per gli impianti elettrici?

Alla fine della realizzazione degli impianti elettrici, vi è la fase di redazione della documentazione da consegnare al committente.
In particolare, la norma CEI 64-8/6, prevede una fase di verifica nella quale si effettuano gli esami a vista dei lavori eseguiti, e le misure e le prove strumentali, per accertarne l’efficienza dell’impianto.
Ma quali sono in modo dettagliato le verifiche ed i controlli da effettuare sugli impianti? Vediamo i principali:
• Verifica degli schemi e dei piani di installazione;
• Verifica dello stato degli isolanti e degli involucri;
• Verifica del materiale e degli apparecchi che siano idonei;
• Controllo dell’esistenza e della rispondenza dei contrassegni d’identificazione dei marchi e delle certificazioni;
• Controllo del grado di protezione degli involucri;
• Controllo dei tracciati per le condutture incassate;
• Controllo di tutti i collegamenti di terra dei componenti di classe 1.
• Controllo di sfilabilità dei cavi e verifica delle dimensioni dei tubi e dei condotti.
• Verifica delle sezioni minime dei conduttori e dei colori distintivi;
• Controllo e verifica della funzionalità dei quadri.
• Controllo e verifica della idoneità delle concessioni dei conduttori e degli apparecchi.
• Controllo e verifica degli apparecchi per il comando e l’arresto di emergenza;
• Controllo e verifica degli Apparecchi di comando e prese di corrente;
• Controllo e verifica della idoneità e della funzionalità dei quadri;
• Controllo e verifica dell’isolamento nominale dei cavi e della separazione fra condutture differenti;
• Controllo e verifica della consistenza, della funzionalità e dell’accessibilità degli impianti;
• Controllo e verifica dei dispositivi di sezionamento e di interruzione conformi a norma CEI 64-8.
Per quanto riguarda le misure e le prove strumentali, si devono effettuare:
• prove strumentali di continuità dei circuiti di protezione.
• prove strumentali di funzionamento alla tensione nominale.
• prove strumentali di intervento dei dispositivi di sicurezza e di riserva.
• Misurazione delle correnti di dispersione a terra;
• Misurazione delle correnti di primo guasto.
• prove strumentali di intervento degli interruttori differenziali.
• Misurazione della resistenza d’isolamento dell’impianto e verifica della protezione per separazione elettrica.
• Misurazione della resistenza di un dispersore di piccola estensione.
• Misurazione della resistenza di un dispersore di media o grande estensione.
• Misurazione dell’impedenza totale dell’anello di guasto.
• Misurazione della corrente presunta di corto circuito tra fase e neutro.
• Misurazione della caduta di tensione.
• Misurazione dell’illuminazione medio.
• Misurazione ei segnali in uscita alle prese TV.

Leggi anche: CANTIERE: ma quanto costa realizzare un impianto elettrico a norma? o anche TI DIAMO UNA MANO PER… redigere o verificare la dichiarazione di conformità degli impianti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *