ULTIME NOTIZIE

HomeIn EvidenzaMateriali ed edifici sostenibili: come valutarli?

Materiali ed edifici sostenibili: come valutarli?

Uno dei temi più complessi e scottanti del comparto tecnico-scientifico è probabilmente parametrizzare la sostenibilità ambientale dei manufatti edilizi. Infatti, nella scelta del sistema di valutazione, l’analisi e il raffronto dei dati sono quanto di più complesso si possa trovare. I modelli presenti sono ormai decine, se sommiamo quelli nazionali ed esteri, e quindi quale scegliere? Quale possiamo ritenere idoneo?
Si sta di fatto creando molta confusione soprattutto sui risultati ottenuti dai sistemi di valutazione che, anche se supportati da esimi comitati scientifici, portano a impostazioni di tendenza dove la qualità ambientale spesso viene considerata marginalmente. Anche se differenti, tutti i sistemi si basano su una valutazione attraverso l’assegnazione di punteggi rispetto a indicatori riconducibili a quattro categorie: rapporto tra organismo edilizio e contesto d’intervento, uso razionale delle risorse, efficienza energetica, benessere e comfort interno.
Queste tematiche sono difficilmente rapportabili e il problema è proprio il confronto tra differenti sistemi. Lo scarto del 5%, vincolo dei vari sistemi di certificazione energetica rispetto a quello riferimento nazionale, fa abbozzare un sorriso amaro visto che è impossibile dare un dato di raffronto e si creando quindi il paradosso dove un edificio analizzato con due diversi sistemi può risultare virtuoso o tutto l’opposto. Nell’immaginario collettivo queste complicazioni portano ad una drastica semplificazione che si configura nell’uguaglianza: efficienza energetica = eco-efficienza. Un’altra errata convinzione è considerare un edificio ben isolato e costruito con materiali “naturali” un edificio sostenibile: una visione ben lontana dalla realtà. Il primo errore è considerare la sola energia consumata nella fase d’uso e gestione dell’edificio non considerando quanto si è speso nella produzione, nel trasporto dei materiali e la loro durata. Il secondo è considerare “naturale” tutto il materiale classificato come tale solo perché accompagnato da dichiarazioni che spesso usano escamotage commerciali.
Per una corretta valutazione bisogna considerare l’intero ciclo di vita dell’edificio tenendo conto di questi aspetti:
• la richiesta d’energia e l’impatto sull’ambiente per la produzione dei materiali, unitamente a quella di trasporto dal sito di produzione;
• l’energia consumata durante l’uso e la gestione del complesso edilizio;
• l’energia necessaria per la dismissione e il riciclo dei componenti.
Per questo bilancio è necessario reperire una gran mole di dati, che spesso non sono di facile accesso se non in forma di banche dati o valori medi, stimare la durabilità dei materiali ed infine il conclusivo smaltimento e/o riciclo. Solo un’analisi di questo tipo, definita LCA – Life Cycle Assessment, prospetta un quadro completo, esaustivo e decisamente confrontabile.

Per saperne di più:

STABILA 2 s.r.l.

Via A. Canobbio, 34

37132 Verona (VR)

Sito Web: www.stabila.it

E mail: info@stabila.it

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments

error: Contenuto protetto.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi la Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi