LE RISTRUTTURAZIONI: quali sono le nuove detrazioni o bonus per la casa nel 2018?

Bonus casa interventi antisimici : sono gli incentivi per gli interventi antisismici su condomini che sono ubicati nelle zone sismiche di 1, 2 e 3, il tutto è finalizzato non solo per la riduzione del rischio sismico ma anche ad una riqualificazione energetica.
La detrazione è pari all’80% qualora l’intervento fa diminuire di una classe il rischio sismico; se le classi di rischio sono due la detrazione sarà dell’85%;
Il limite massimo di spesa di ciascuna unità immobiliare di ciascun edificio sarà pari a 136.000,00 euro da ripartire in 10 anni.
La polizza anticalamità :si potrà detrarre per il 19% dei premi assicurativi se stipulate dal 1° gennaio, per polizze su unità immobiliari ad uso abitativo che hanno per oggetto il rischio di calamità.
Le ristrutturazioni : invariate le detrazioni del 50% che vanno applicate per un massimo di spesa di 96.000 euro per ogni singolo immobile e da ripartire per 10 anni.
Risparmio energetico: le spese effettuate nel 2018 per l’acquisto di infissi e finestre a schermatura solare, o la sostituzione di caldaie a condensazione con efficienza di classe A, ed anche per l’acquisto di impianti di calore alimentati da biomasse combustibili, la detrazione scende dal 65% al 50%,
Sostituzione degli impianti: di climatizzazione invernale con impianti di caldaie a condensazione il bonus del 65% viene applicato quelli in classe A ed inoltre in aggiunta anche con l’installazione di sistemi di termoregolazione oppure anche ad impianti dotati di apparecchi ibridi, con pompa di calore ad una caldaia a condensazione o a generatori d’aria calda a condensazione con un valore massimo di 100.000 euro.
Mobili e grandi elettrodomestici: prorogato anche il bonus del 50% su una spesa massima di 10.000 euro per mobili e grandi elettrodomestici avente oggetto la ristrutturazione edilizia, ed il tutto va ripartito in 10 anni.
Bonus verdi per i giardini e le aree verdi, ma anche per impianti di irrigazione o la realizzazione di pozzi, la spesa massima dovrà essere di 5.000 euro e la detrazione sarà del 36%, il tutto fatto su edifici esistenti, dove, le spese dovranno avvenire nel 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *