ARREDARE LA CASA: le agevolazione per le stufe a palletts

Per chi deve arredare la casa, ma anche per le stufe a pallets ci sono le agevolazioni fiscali? Ebbene si, dipende chiaramente dalla tipologia di stufa e dal tipo di intervento previsto per l’installazione della stessa.
In particolare si può usufruire di una detrazione attraverso l’Ecobonus del 50% qualora la stessa, sia in sostituzione di un impianto termico già esistente. Detta detrazione avviene mediante detrazione irpef in 10 rate direttamente in denuncia dei redditi. L’importo massimo detraibile è di 30.000 euro, e ricordiamo che la documentazione va inviata entro 90 giorni dalla fine dell’intervento, completa della relativa asseverazione del tecnico abilitato,  che conferma il miglioramento energetico dell’immobile, attraverso il Portale dell’Enea al link https://detrazionifiscali.enea.it.
Lo stesso intervento,  può anche rientrare nel Bonus 50% Ristrutturazioni ed in questo caso, l’installazione deve rientrare, in un intervento di ristrutturazione della casa, ai sensi dell’art. 16 bis del Dpr 917/86. Ricordiamo che, per detto bonus, il limite di spesa per il totale dei lavori di ristrutturazione è di 96.000 euro, e la detrazione avviene su quota irpef,  in 10 rate, direttamente in denuncia dei redditi, ovvero con la cessione del credito, oppure mediante lo sconto in fattura da parte del fornitore. Anche in questo caso la documentazione va inviata entro 90 giorni dalla fine dell’intervento completa della relativa asseverazione, da parte del tecnico che conferma il miglioramento energetico dell’immobile.
La suddetta installazione, potrebbe altresì rientrare nel Superbonus 110% come intervento trainante per lavori di efficientamento energetico, con il miglioramento di almeno due classi energetica per l’immobile. In questo caso, il costo del l’installazione, può essere detratto in 5 rate, direttamente in denuncia dei redditi, ovvero di cedere il credito, oppure accedere allo sconto in fattura da parte del fornitore. Anche in questo caso la documentazione va inviata alla fine dell’intervento, completa della relativa asseverazione da parte del tecnico che conferma il miglioramento energetico dell’immobile al Portale dell’Enea .

Leggi anche: ARREDARE LA CASA: la laccatura dei mobili di casa nostra meglio lucida o opaca? o EDILIZIA: il bonus mobili ed elettrodomestici per il 2020. o IL BAGNO: il più rilassante degli ambienti della casa? o BIOEDILIZIA: le vernici bioecologiche per vari utilizzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *